Errori tipici durante la posa del Calcestruzzo Aerato Autoclavato

Il Sistema costruttivo YTONG consente di realizzare con un unico materiale, il Calcestruzzo Aerato Autoclavato (CAA), un intero edificio a risparmio energetico in modo semplice, rapido ed economico. Non sarà più necessario impiegare materiali da costruzione diversi, posati in stratigrafie multistrato, per ottenere tutte le prestazioni che l’involucro edilizio deve soddisfare per raggiungere e superare i requisiti imposti dalle sempre più severe normative vigenti.

Come per tutti i Sistemi certificati in edilizia il risultato finale, e quindi la prestazione desiderata, dipenderanno non solo dalla qualità delle materie prime e dalla serietà del produttore, ma anche dalla corretta posa in opera mediante l’utilizzo degli accessori idonei previsti per l’applicazione. I blocchi Ytong e i pannelli minerali Multipor andranno pertanto posati rispettando alcune semplici regole che, se disattese, potrebbero pregiudicare la prestazione desiderata.

 

Ecco alcuni degli errori da evitare durante la posa dei blocchi e dei pannelli in Calcestruzzo Aerato Autoclavato Ytong.


Utilizzo di collanti non idonei per la posa dei blocchi Ytong

Non è possibile utilizzare malte collanti generiche o schiume per incollare i corsi orizzontali o verticali (ove necessario) dei blocchi Ytong. Solo la malta collante “Preocol”, certificata dal sistema e posata a giunto sottile mediante cazzuole dentate specifiche, garantisce i risultati meccanici e di resistenza idonei a evitare problematiche strutturali o l’insorgere di fessurazioni.

Figura 1: Incollaggio dei blocchi mediante schiuma poliuretanica

Giunto di separazione tra i blocchi da tamponamento Ytong e struttura portante

I blocchi da tamponamento Ytong devono essere separati dalla struttura portante mediante l’interposizione di un materiale elastico come schiuma poliuretanica, pannello EPS o lana di roccia. Il giunto di 1-2 cm eviterà fessurazioni indesiderate dovute al diverso comportamento elastico dei materiali, oltre a evitare l’interazione tra muratura e telaio in c.a. in caso di azione sismica.

Figura 2: Mancata interposizione di materiale isolante ed allineamento tra blocco e pilastro in ca.

Figura 3: In corrispondenza del giunto blocco-solaio è stata lasciata un’intercapedine troppo elevata per il successivo riempimento con lana di roccia.

 

 

Modalità di incollaggio dei pannelli Multipor non conforme

Il pannello isolante Multipor va incollato al supporto con idonea “Malta Leggera Multipor” applicata a spatola con denti tondi sull’intera superficie e non parzialmente per punti. La superficie minima di incollaggio che deve essere garantita dipende dall’applicazione specifica.

Figura 4: L’incollaggio non corretto dei pannelli Multipor mediante singoli punti può causare distacchi non previsti

Figura 5: La Malta leggera Multipor va applicata al pannello e non al supporto prima dell’incollaggio

Questi sono solo alcuni esempi di come la mancata applicazione del sistema costruttivo, abbia potuto pregiudicare il risultato finale. Il supporto tecnico di persone competenti può essere quindi di grande aiuto per le imprese e i posatori, soprattutto se si trovano alla loro prima esperienza con il materiale. La nostra azienda mette a disposizione di tutti i clienti una squadra di tecnici professionali e specializzati che garantiscono un supporto continuo sia in sede che sul territorio, alla progettazione fino alla posa in cantiere per assicurare il migliore dei risultati.

Ref. articolo: http://www.ytongplanet.it